Home arrow Piccolo Museo
Piccolo Museo
Madonna della Porta PDF Stampa E-mail

Image

Sulla lunetta interna della porta del Castello fondata dopo la metà del XII secolo, fu dipinta in un affresco un quadro votivo della Madonna, protettrice Castellana del Villaggio. Su fondo rabescato a formelle incrociate a losanghe con stelle al centro, siede quasi di profilo la Vergine col Bambino poppante. Il volto aureolato ad estofados a raggi e perline d’oro, coperte di un manto che le scende sulle spalle, lasciando intravedere i lunghi capelli striati bipartiti sopra la fronte e scendenti fluenti ai lati del volto. L’espressione contenutistica e severa è data dalla fronte......

Leggi tutto...
 
Campanile PDF Stampa E-mail

1870 Le campane

Image

Salvatore Ravanelli di Pistoia, per incarico deciso nel consiglio del 18Ottobre 1869, fuse le campane. Furono consegnate il 25 Aprile 1870. La prima pesò Kg.1492,500, la seconda Kg. 1051,500, la terza Kg.721, la quarta Kg.365 e i bronzini per le stesse Kg 41. Totale Kg. 3671 al prezzo di L.4 al Kg. Alla somma complessiva con ferramenti.....

Leggi tutto...
 
Orologio PDF Stampa E-mail

1884 L’orologio

Image

Ad opera della ditta Massimo Gelsomini fu posto in opera in Ottobre con la somma di L. 1.300. Dalle carte dell’archivio sappiamo che per finire di pagare la spesa delle campane l’amministrazione chiese un prestito di L.5.000 a Giuseppe Viola con l’interesse del 7% e a Bernardino Marini......

Leggi tutto...
 
Tre Fontane PDF Stampa E-mail

1885 Tre fontane

Image

La Comunanza, che aveva dei beni nella montagna, secondo la sparizione del 1346, col ricavato poteva far fronte ad altre spese di pubblica utilità. Fu eseguita la conduttura dell’acqua da Trigaiolo al castello, con tubi di coccio della ditta Cesqui Vincenzo di Norcia, e costruite tre fontane in pietra per L.1.945 (Fonte della piazza, del monte e della porta)

 
Filippino Lippi raccontato da Giorgio Vasari PDF Stampa E-mail

Image

Pittor Fiorentino
Coloro che con qualche macchia nascono al mondo (qualunche ella si sia) lasciatagli da i suoi maggiori, e quella cuoprono con la modestia del vivere e con la gratitudine delle parole, e con fatti egregi il piú che sanno in tutte l'azzioni et in tutte l'opere loro, non solamente meritano lode de la prima virtú, ma infiniti premi de le seconde azzioni; conoscendosi apertamente che il vincolo della virtú, che è infusa in un animo, che sia in quella raro et eccellente, è il maggiore ornamento che sia e che si possa avere, e la cortesia fra l'altre virtú, il piú delle volte è quella che taglia.........

Leggi tutto...
 
Altri articoli...